Nel mondo
“Vagliate ogni cosa, trattenete ciò che è buono”
24 febbraio 2020 * S. Aurelio martire
×

Avviso

Lack of access rights - File 'http:/www.enzopennetta.it/wordpress/wp-content/uploads/2014/03/wall-s-j-clima.jpg'
Lack of access rights - File 'http:/www.enzopennetta.it/wordpress/wp-content/uploads/2014/03/solar-cycle-nasa.jpg'
Lack of access rights - File 'http:/www.enzopennetta.it/wordpress/wp-content/uploads/2014/03/cycles23_24.png'
Lack of access rights - File 'http:/www.enzopennetta.it/wordpress/wp-content/uploads/2014/03/tamsin-edwards.png'
cameronDavanti ai capovolgimenti culturali di cui siamo testimoni sempre più spesso capita di sentire domandare «Dove andremo a finire?», laddove del futuro non si sa dire molto di preciso se non la vaga percezione che si preparino tempi pesanti.
Ebbene, oggi abbiamo la possibilità di avere un’immagine più chiara del nostro futuro: basta dare un’occhiata in Inghilterra e ripensare alle parole profetiche del cardinale Giacomo Biffi di venticinque anni fa.
Cosa succede dunque in Inghilterra? Cominciamo dal primo fatto: il premier David Cameron nei giorni scorsi ha scritto una lettera al The Church Times, settimanale anglicano, definendo l’Inghilterra «un paese cristiano» e sottolineando l’importanza che la fede cristiana ha avuto per lo sviluppo dell’Inghilterra stessa.

asia-bibi“Credo con tutto il mio cuore, con tutte le mie forze e la mia mente che risorgerò. La salvezza verrà presto anche per me”: io giorno del Venerdì santo, inchiodata alla sua croce di oltre 4 anni e mezzo di carcere da innocente, Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per blasfemia, compie la sua professione di fede, e consegna in esclusiva a Vatican Insider un accorato messaggio di speranza.
Asia Bibi, in trepidante attesa della sua sorte, ha  ricevuto ieri la notizia della cancellazione dell’udienza, prevista il 14 aprile, del suo processo di appello: il procedimento è stato rinviato sine die senza una motivazione plausibile. Solo perchè i giudici dell’Alta Corte di Lahore, intimiditi e intimoriti da possibili rappresaglie dei fondamentalisti islamici, finora si sono sottratti alla responsabilità di trattare il suo caso: decidere su Asia Bibi – soprattutto su una eventuale assoluzione - è una patata fin troppo bollente. Meglio declinare.

hollandeIl precedente del completo fallimento politico di Luis Zapatero in Spagna dev’essere l’incubo ricorrente di Francois Hollande, l’attuale presidente francese che condivide con lo spagnolo l’avversione al cristianesimo e, in particolare, al cattolicesimo. Disastro alle europee, fallimento alle amministrative francesi (nonostante si sia recato a votare con il jet presidenziale al costo di 9000€). Marine Le Pen, leader del “Front National” che potrebbe essere il primo partito del Paese, ha affermato che ««i francesi si sono ripresi la loro libertà». Una libertà che Hollande ha osteggiato pesantemente, imponendo alla popolazione i matrimonio omosessuali ignorando il milione di persone sceso in piazza a manifestare contro. «Il Presidente non parla più alla gente, vive in una bolla», ha spiegato l’ex direttore di “Le Monde”.

ChavezCon i riflettori puntati (comprensibilmente) sulla crisi in Ucraina si rischia di eclissare un’altra gravissima crisi, ormai internazionale: la continua protesta e repressione in Venezuela. Nel Paese sud-americano, governato con pugno di ferro e retorica populista da Nicolas Maduro, successore del presidente Hugo Chavez, i morti della protesta sono 34 e i feriti 461, 25 e 318 dei quali sono civili, gli altri sono agenti della sicurezza. Queste sono le cifre fornite da Luisa Ortega Diaz, procuratore generale, dunque è la fonte ufficiale. tuttavia, i disordini sono molto più estesi e, al fianco della polizia, operano anche milizie paramilitari irregolari, il che fa temere che il bilancio reale sia ancora più pesante.

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletters inserendo nome ed e-mail. I tuoi dati sono utilizzati solo per ricevere settimanalmente la nostra newsletters. In qualunque momento puoi cancellarti dal nostro database automaticamente mettendo lo stesso nome e la stessa e-mail inserita al momento dell'iscrizione.