Nel mondo
“Vagliate ogni cosa, trattenete ciò che è buono”
20 novembre 2019 * Gesu Cristo Re

vangoghA fine anno, per i media, è tempo di oroscopi. Il frivolo divertimento di leggere, sulla nostra vita, “previsioni” che non si avverano mai sembra inspiegabile, eppure fa emergere la brama che abbiamo di cercare, in qualche modo, le tracce del nostro destino
In fondo desideriamo scoprire che la nostra esistenza non è un accidente del caso e non si consuma in un ingorgo di eventi senza scopo, ma che c’è un disegnoe qualcuno lassù ci ha voluti. 
Vorremmo poter dire, come il salmista, a quel Qualcuno: tu mi conosci fino in fondo./Non ti erano nascoste le mie ossa/ quando venivo formato nel segreto./ …Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi/e tutto era scritto nel tuo libro;/i miei giorni erano fissati,/quando ancora non ne esisteva uno”.

persone cittaAnche se formalmente sono ancora cristiani, restano lontani dalle chiese, ma la religione continua ad avere un ruolo nella loro identità. Questo l’identikit dei cristiani nell’Europa occidentale, secondo il Pew Research Center, il più accreditato fra i centri di studio che si occupano di religione.
L’Europa occidentale, dove il cristianesimo protestante è nato e il cattolicesimo ha il suo centro, è diventata una delle aree più secolarizzate al mondo. Sebbene la stragrande maggioranza degli adulti affermi tuttora di essere battezzata, oggi molti europei sono di fatto pagani.

acquariusUn grande equivoco, talvolta inconsapevole ma spesso in mala fede, sta al centro dell’emergenza migranti irregolari nell’Unione Europea, riportata in questi giorni alla ribalta dalla vicenda dell’Aquarius, la nave della ong franco-tedesca SOS Mediterranée respinta da Malta e dall’Italia e ora in navigazione verso il porto spagnolo di Valencia. Si tratta della mancata distinzione tra l’urgente dovere del pronto soccorso alle persone in immediato pericolo, e l’altrettanto urgente dovere di troncare alla radice dei flussi migratori gestiti da organizzazioni criminali che lucrano senza scrupoli sulla pelle di masse di disperati.

ramadanDa tempo non sentivo più parlare del padre Samir Khalil Samir, il grande esperto di islam, una delle voci più limpide, nella Chiesa cattolica, in materia di rapporto fra cristiani e musulmani. Mi ha fatto quindi piacere che nei giorni scorsi, in occasione del suo ottantesimo compleanno, il padre Samir abbia partecipato a un convegno in suo onore a Roma, presso il Pontificio istituto orientale, e lì abbia proposto una riflessione che va letta integralmente, perché afferma alcune verità troppo spesso ignorate.

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletters inserendo nome ed e-mail. I tuoi dati sono utilizzati solo per ricevere settimanalmente la nostra newsletters. In qualunque momento puoi cancellarti dal nostro database automaticamente mettendo lo stesso nome e la stessa e-mail inserita al momento dell'iscrizione.