News generali
“Vagliate ogni cosa, trattenete ciò che è buono”
11 dicembre 2018 * S. Damaso I papa
francescoNel ricevere in Vaticano, sabato 16 giugno, il Forum delle associazioni familiari italiane, papa Francesco ha accantonato e dato per "consegnato" il discorso scritto e ha invece parlato a braccio. La trascrizione testuale delle sue parole è tutta da leggere.
Premesso che "ci vuole coraggio" per "parlare oggi della famiglia", Francesco si è espresso con parole politicamente molto scorrette in almeno due momenti:
Contro i cosiddetti "matrimoni gay":

"Il dono più grande che ha dato Dio all’umanità è la famiglia. Perché, dopo il racconto della creazione dell’uomo, Dio fa vedere che creò l’uomo e la donna a sua immagine e somiglianza. E Gesù stesso, quando parla del matrimonio, dice: 'L’uomo lascerà il padre e la madre e con sua moglie diventeranno una sola carne'. Perché sono immagine e somiglianza di Dio. Voi siete icona di Dio: la famiglia è icona di Dio. L’uomo e la donna: è proprio l’immagine di Dio. Lui lo ha detto, non lo dico io. E questo è grande, è sacro.

"Oggi – fa male dirlo – si parla di famiglie 'diversificate': diversi tipi di famiglia. Sì, è vero che la parola 'famiglia' è una parola analogica, perché si parla della 'famiglia' delle stelle, delle 'famiglie' degli alberi, delle 'famiglie' degli animali… È una parola analogica. Ma la famiglia umana come immagine di Dio, uomo e donna, è una sola. È una sola".

E ancor più duramente contro gli aborti selettivi:

"I figli sono il dono più grande. I figli che si accolgono come vengono, come Dio li manda, come Dio permette – anche se a volte sono malati. Ho sentito dire che è di moda – o almeno è abituale – nei primi mesi di gravidanza fare certi esami, per vedere se il bambino non sta bene, o viene con qualche problema… La prima proposta in quel caso è: 'Lo mandiamo via?'. L’omicidio dei bambini. E per avere una vita tranquilla, si fa fuori un innocente.

"Quando ero ragazzo, la maestra ci insegnava storia e ci diceva cosa facevano gli spartani quando nasceva un bambino con malformazioni: lo portavano sulla montagna e lo buttavano giù, per curare 'la purezza della razza'. E noi rimanevamo sbalorditi: 'Ma come, come si può fare questo, poveri bambini!'. Era un’atrocità. Oggi facciamo lo stesso. Voi vi siete domandati perché non si vedono tanti nani per la strada? Perché il protocollo di tanti medici – tanti, non tutti – è fare la domanda: 'Viene male?'. Lo dico con dolore. Nel secolo scorso tutto il mondo era scandalizzato per quello che facevano i nazisti per curare la purezza della razza. Oggi facciamo lo stesso, ma con guanti bianchi".

fonte: http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/
Italian English French German Hebrew Japanese Maltese Portuguese Russian Spanish

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletters inserendo nome ed e-mail. I tuoi dati sono utilizzati solo per ricevere settimanalmente la nostra newsletters. In qualunque momento puoi cancellarti dal nostro database automaticamente mettendo lo stesso nome e la stessa e-mail inserita al momento dell'iscrizione.

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
6720183