Home
“Vagliate ogni cosa, trattenete ciò che è buono”
20 gennaio 2019 * S. Sebastiano martire

L'insegnamento del Papa

Vaticano In questa sezione raccogliamo i discorsi pronunciati all'Angelus e in altre occasioni da Papa Francesco.
Se vuoi leggere l'ultimo inserimento clicca qui.
Se desideri riceverlo regolarmente vai qui.

Qui, i numeri arretrati e altro ancora.

Dottrina Sociale

3435031-francia-parigi-notre-dame-quot-nostra-signora-quot-e-la-piu-famosa-cattedrale-gotica-la-costruzione-La Chiesa non ha mai rinunciato a dire la "parola che le spetta" sulle questioni riguardanti la vita sociale.
Qui
trovi le encicliche sociali e altri documenti.

- Riforma protestante
- S.Messa e musulmani

Il Libro consigliato

come altalena su alte vetteCome Altalena su Alte Vette
di Aurora Avellino
Il cammino di un’anima con i dolori, le gioie, le paure, le speranze vissute e assaporate in modo che possano divenire fedeli compagne di cammino.
Leggi tutto

burkeQuello che non è riuscito in tre anni allo sconclusionato monsignor Dario Viganò, capo del dicastero vaticano per la comunicazione dal 2015 al 2018, è riuscito in pochi giorni, attorno a Natale, al metodico suo successore Paolo Ruffini. 
Le due roccaforti de “L’Osservatore Romano” e della sala stampa della Santa Sede, che sembravano inespugnabili perché presidiate dalla segreteria di Stato, sono cadute l’una dopo l’altra sotto il controllo del dicastero, a sua volta più che mai nelle mani dei fedelissimi di papa Francesco.
Il primo atto di questa fulminea campagna d’inverno è andato a segno il 18 dicembre con la brusca rimozione di Giovanni Maria Vian da direttore de “L’Osservatore Romano”, sostituito da Andrea Monda, e con la nomina di Andrea Tornielli a direttore della direzione editoriale del dicastero per la comunicazione.

padre nostro«E non ci indurre in tentazione» oppure «e non ci abbandonare alla tentazione»?
Fra tanti motivi di divisione già esistenti, ora i cattolici italiani ne hanno un altro, che riguarda addirittura la preghiera insegnata da Gesù. Ma perché si è voluto cambiare? Che cosa ha spinto i vescovi a questa decisione? E ora che succederà?

dreherTutto cominciò nel 1969, quando il teologo Joseph Ratzinger così parlò: «Dalla crisi odierna emergerà una Chiesa che avrà perso molto. Diventerà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi. Ripartirà da piccoli gruppi, da movimenti e da una minoranza che rimetterà la fede e la preghiera al centro dell’esperienza e sperimenterà di nuovo i sacramenti come servizio divino e non come un problema di struttura liturgica. A me sembra certo che si stanno preparando per la Chiesa tempi molto difficili. La sua vera crisi è appena incominciata. Si deve fare i conti con grandi sommovimenti. Ma io sono anche certissimo di ciò che rimarrà alla fine: non la Chiesa del culto politico, ma la Chiesa della fede».

sinodoIl sinodo dello scorso ottobre doveva essere sui giovani. E invece nel concluderlo papa Francesco ha detto che “il suo primo frutto” è stato la “sinodalità”.
Infatti i paragrafi più sorprendenti del documento finale – e anche più contestati, con decine di voti contrari – sono stati proprio quelli sulla “forma sinodale della Chiesa”.
Sorprendenti perché di sinodalità praticamente non s’era mai parlato, né nella fase preparatoria del sinodo, né in aula, né nei gruppi di lavoro. Salvo vederla comparire nel documento finale, alla cui scrittura “L’Osservatore Romano” ha rivelato che ha preso parte anche il papa.

Italian English French German Hebrew Japanese Maltese Portuguese Russian Spanish

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletters inserendo nome ed e-mail. I tuoi dati sono utilizzati solo per ricevere settimanalmente la nostra newsletters. In qualunque momento puoi cancellarti dal nostro database automaticamente mettendo lo stesso nome e la stessa e-mail inserita al momento dell'iscrizione.

Abbiamo 284 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
6967600